Out of circle, le telefonate criptate alla portata di tutti

Sarà pur vero che non è a prova di NSA , ma il Blackphone renderà più difficile la vita agli spioni che ci circondano. Lo smartphone, presentato al Mobile World Congress di Barcellona dello scorso febbraio, arriverà in Europa entro il mese di luglio ad un prezzo inferiore ai 600 euro visti i 629 dollari con cui sarà venduto negli Stati Uniti. Il telefono è il prodotto del lavoro di Silent Circle, azienda che fornisce servizi di comunicazione crittografata, e Geeksphone, compagnia spagnola che produce smartphone dal 2009.

La partnership ha sfruttato pienamente lo scandalo del Datagate, promettendo agli utenti di poter sviluppare un sistema hardware e software sicuro , lontano dagli occhi indiscreti di privati e agenzie governative. Seppur i documenti resi noti da Edward Snowden abbiano messo in luce come non ci sia un solo servizio web che possa scampare al controllo della NSA, il Blackphone rappresenta una prima base di partenza verso un futuro meno incerto in difesa della privacy delle persone in tutto il mondo.

Continua a leggere

COS: il sistema operativo cinese che sfida Android, iOS e Windows Phone

La Cina vanta tre brand tra i primi 6 principali produttori di smartphone al mondo, una base d’utenza sconfinata e un sistema operativo Android dilagante. A tamponare il successo dell’OS americano firmato Google potrebbe però pensarci COS (China Operating System), la nuova piattaforma mobile pensata e sviluppata in Cina per contrastare tutti questi sistemi stranieri che detengono la totalità del mercato. La società a noi sconosciuta e nota come Shanghai Liantong, in collaborazione con l’ISCAS (Institute of Software at the Chinese Academy of Sciences) e lo stesso governo cinese hanno portato avanti lo sviluppo di quest’OS, in partnership con HTC che pare essere un grande supporter del progetto.

Continua a leggere